News

STRATO FASTER

La nuova geometria sviluppata da Cinelli per Strato Faster, rende questo telaio estremamente reattivo e rigido. Progettato per un utilizzo agonistico, ed infatti ha avuto il suo debutto ai Giochi Olimpici di Rio. Il bike test è stato realizzato con un telaio Faster di taglia media equipaggiato con gruppo Campagnolo Potenza, accessori Cinelli e ruote Campagnolo Shamal Mille.

Com’è andata.

E’ decisamente una bicicletta veloce, leggera. L’abbiamo testata su un percorso extracittadino, che prevede tratti pianeggianti ed una salita con pendenza costante del 6-8% di circa 10km, a seguire una discesa abbastanza tecnica. I progettisti di Cinelli hanno alzato di qualche mm, rispetto allo standard, il movimento centrale, per far si che un corridore possa pedalare senza problemi anche nelle curve più strette tipiche delle nuove gare Criterium.

Le sensazioni di guida percepite sono quelle di un telaio nervoso, aggressivo, che ti portano a voler spingere forte in ogni circostanza, ma nonostante questo Strato Faster non risulta essere un telaio instabile e di difficile controllo. In salita si percepiscono fin da subito le sue qualità predominanti, un avancorsa leggero unito ad un trasferimento di potenza fluido ed efficiente riducono al minimo gli sforzi. I foderi posteriori sono stati accorciati rispetto alla versione precedente, lo sterzo si è chiuso di un grado su tutte le taglie. Cinelli definisce questi interventi con la dicitura “Reactive Angles Geometry”. Lo sterzo molto sensibile, è preciso e conferisce sicurezza anche in discesa nelle curve più strette. Strato Faster è l’ideale per chi cerca un telaio rigido, polivalente, reattivo ed adatto a  Granfondo.